Realizzare siti web professionali

Già… qualsiasi web agency si riempe la bocca di grandi parole e grandi progetti web: siti web impeccabili, responsive, perfetti, posizionati nella top 10 di Google. Già … peccato che almeno il 95% di esse non sarà in grado di farvi realizzare nulla attraverso il canale web. Perchè? Perchè se l’utente non si fida di voi, se non ha ben chiaro cosa fare quando naviga il vostro sito, se non ha la chiara percezione di un sito web professionale … beh, andrà altrove.

Cosa intendiamo per sito web professionale? Parecchie cose. Intanto un sito privo di evidenti lacune, difetti, problemi di navigazione e bug tecnici, che possano essere facilmente notati dall’utente finale e quindi penalizzare l’esperienza di navigazione. Poi preciso, completo, ricco di informazioni o, comunque, di contenuti di qualità: originali, ben scritti, strutturati nel modo giusto. Un sito che consenta una facile interazione con l’utente, una ricerca precisa all’interno delle pagine, una navigazione veloce ed esaustiva. Potremmo andare avanti ancora molto, le caratteristiche possono comunque essere riassunte in: un sito che genera conversioni.

Non è assolutamente semplice generare conversioni, ecco perchè WebSenior rappresenta un pò un’eccezione nel panorama delle web agency di Monza e Brianza. Realizza e posiziona siti web professionali in grado di generare contatti profilati, e di trattenere il visitatore per tutto il tempo necessario a massimizzare le possibilità che generi una richiesta. Team professionale, polivalente, molto disponibile e soprattutto continuamente aggiornato su SEO, SEM e web marketing in generale. Provate ad affidarvi a loro, e tornate su queste pagine per farci sapere com’è andata!

Hotel eco-friendly a Monza

Soggiornare all’interno di una struttura ricettiva  e avere la sensazione di stare bene come a casa è un qualcosa di difficilmente immaginabile, nonostante oggi hotel e alloggi di ogni tipo siano sempre più dotati di comodità e particolarità innovative. Le soluzioni di alloggio d’alto profilo proposte da Privilege Apartments superano questo luogo comune riuscendo veramente a regalare ad ogni ospite la piacevole sensazione di essere circondato da idee e soluzioni pensate appositamente per il suo comfort e benessere. Le camere che questo importante hotel a Monza propone ai clienti vantano infatti tutta la tecnologia applicata ai dispositivi di casa di cui si sente il bisogno, detta in gergo “domotica”, per rendere ancora più piacevole la permanenza in struttura. Le soluzioni d’alloggio sono inoltre state concepite secondo principi eco-friendly e dunque in grado di rispettare l’ambiente grazie al risparmio energetico che sono in grado di garantire.

Non solo comfort e benessere dunque, ma anche la certezza di un soggiorno in una struttura che ha un impatto molto più leggero sulla natura. L’angolo cottura inoltre, consente a tutti di potersi dedicare alla preparazione dei pasti in maniera autonoma, il che è un grande vantaggio soprattutto per le famiglie o gruppi. Le soluzioni di alloggio proposte da Privileg Apartments consentono dunque a tutti di poter vivere il soggiorno desiderato senza dover rinunciare a nessuna delle comodità di casa propria, sia che si viaggi per motivi di lavoro che per vacanza. Grazie al bellissimo parco di oltre 10km quadrati che si trova proprio dinanzi la struttura inoltre, è possibile immergersi nel verde e regalarsi una piacevole passeggiata a stretto contatto con la natura. Il comodo servizio transfer da e per gli aeroporti del milanese inoltre, consente di poter raggiungere velocemente la struttura o l’aeroporto senza l’assillo del dover ricerca una agenzia di noleggio che possa garantire il servizio.

IWM | Depuratori Acqua Domestici

Il 70% del nostro corpo è fatto d’acqua, garantire al nostro organismo il giusto apporto quotidiano di liquidi è quindi di fondamentale importanza per il nostro benessere. In particolare, bere dell’acqua buona è importante  per la nostra salute in quanto depura il corpo dalle tossine, mantiene la corporatura corporea, previene malattie renali, mantiene l’idratazione e favorisce la digestione. Spesso però l’acqua che arriva nelle nostre case tramite il rubinetto non è perfettamente equilibrata: un’acqua troppo ricca di un elemento e al tempo stesso povera di un altro può causare scompensi ed essere motivo di patologie anche serie, a lungo andare.

Chi è disposto quindi a risparmiare sulla propria salute? Nessuno, ragion per cui spesso si preferisce comprare dell’acqua minerale al supermercato, più costosa ma qualitativamente migliore e ben bilanciata. Certo, c’è lo svantaggio del dover spesso fare un salto in negozio a far rifornimento e dover poi trasportare fino in casa le pesantissime casse d’acqua. Il più delle volte, se non si è giovani e se non c’è l’ascensore a disposizione, può diventare davvero un problema provvedere all’approvvigionamento d’acqua potabile in appartamento. Esiste una soluzione in grado di rendere buona e sicura l’acqua del nostro rubinetto, consentendoci di risparmiare soldi e fatica?

Certo che esiste, ed è anche a portata di click! International Water Machines è una solida realtà in Italia nel settore del trattamento delle acque potabili, con una fitta rete di collaboratori e tecnici su tutto il territorio nazionale. Un depuratore acqua in casa ti consentirà di risparmiare tantissimo e bere da subito acqua pura. Scegli quello più adatto alle tue esigenze sul sito di IWM www.iwmceasa.it o lasciati consigliare da uno dei consulenti, ti aiuterà ad individuare il prodotto più adeguato a soddisfare le necessità tue e dei tuoi familiari. Contatta il numero verde 800 800 813 per richiedere tutte le informazioni di cui hai bisogno, riceverai una risposta rapida ed esauriente.

Cialde Lavazza a Modo Mio | Il caffè come lo vuoi tu

Adori anche tu, al mattino, prepararti un buon caffè e sentire quel delizioso profumo nell’aria a darti il buongiorno? Diciamoci la verità, è un piacere quotidiano al quale nessuno è disposto a rinunciare, ma oggi non è semplice trovare un caffè che sia veramente buono e profumato come quello del bar. Proprio per questo spesso si finisce con l’accontentarsi di un prodotto che non è esattamente quello desiderato ma che semplicemente si avvicina alla bevanda che tanto apprezziamo. Ciò non significa che sia impossibile gustare un ottimo caffè anche a casa, ma vuol dire semplicemente che non si è ancora scoperta la praticità e la grande qualità delle cialde Lavazza a Modo Mio, proposte dal sito web di cui parliamo che è www.cialdamia.it. Parliamo del sistema di caffè a cialde più apprezzato dagli italiani e le uniche veramente in grado di non far rimpiangere il caffè cremoso del bar. Grazie a queste comode capsule è possibile avere un caffè squisito con un semplice gesto della mano ed in pochi secondi, a casa come in ufficio, per gustare pienamente una parentesi di gusto e relax.

Il bello delle cialde Lavazza a Modo Mio, oltre alla loro confezione assolutamente in grado di preservare la freschezza e garantire ogni volta sensazioni sopraffine, è che queste sono veramente in grado di accontentare i gusti di tutti. Sia che si preferisca bere un caffè classico, uno particolarmente corposo o uno aromatizzato con le miscele più particolari e ricercate, Lavazza mette a disposizione degli appassionati capsule di ogni gusto e tipologia, veramente in grado di soddisfare le richieste e le preferenze di tutti. Perché dunque accontentarsi di un caffè qualsiasi e poco raffinato, quando è possibile scegliere un ottimo prodotto dalle miscele ricercate ed in grado di offrire ad ogni sorso quella piacevole sensazione che si prova al bar? Con le cialde Lavazza a Modo mio potrai finalmente avere il caffè che desideri in ogni momento della giornata, scoprine il gusto!

Donne e lavoro, come attrarre i talenti femminili col pallino per la scienza

Nonostante la disuguaglianza di genere, i talenti al femminile per le materie tecnico-scientifiche sono al centro dell’interesse delle aziende. Quando i team di manager sono composti da uomini e donne le imprese hanno il 21% di possibilità in più di essere più redditizie (fonte il report McKinsey e Accenture 2019), e le company con una cultura di parità raggiungono livelli di innovazione tre volte superiori alle concorrenti gestite solo da uomini. Come attrarre quindi donne manager col pallino per la scienza? La ricetta per diventare imprese a misura di cervelli femminili (e guadagnarci) la fornisce il report di Universum Global, dedicato alle giovani laureate nelle materie tecnico scientifiche a caccia di nuovo impiego.

L’uomo guarda prima di tutto ai guadagni futuri

Lo studio, che invita le imprese in ritardo a recuperare personale al femminile per battere la concorrenza, lascia la parola ai talenti femminili, che svelano ambizioni e obiettivi di carriera, riporta Ansa. Il campione è composto da scienziate, ingegneri e matematiche neolaureate, e l’obiettivo è capire le diversità fra uomini e donne. Il sondaggio attesta che mentre gli uomini nei futuri datori di lavoro cercano prima di tutto altri guadagni futuri (49%), poi puntano all’innovazione (48%) e all’opportunità di formazione e sviluppo personale (42%), le donne la pensano diversamente.

Per “lei” l’opportunità di formazione e sviluppo professionale è al primo posto

Per le donne l’opportunità di formazione e sviluppo professionale è al primo posto (45%), i guadagni futuri sono al secondo, a pari merito col desiderio di un’occupazione fissa (43%). “Le donne ricercano un lavoro sicuro più degli uomini – spiegano gli autori del report -. L’interpretazione più semplice è che le donne vogliano ridurre al minimo le possibilità di licenziamento, ma realisticamente significa invece che riducono al minimo il rischio di lasciare l’impresa che quindi può investire di più su di loro”.

La lista dei desideri femminili prosegue, e al terzo posto compare un ambiente lavorativo amichevole (42%), mentre gli uomini preferiscono che sia creativo e dinamico (41%). Le donne poi cercano di instaurare buoni rapporti nel team, gli uomini se ne occupano meno.

I settori più attraenti per le donne con la passione per le materie scientifiche

I primi dieci settori più attraenti per le donne con la passione per le materie scientifiche sono software, informatica, sviluppo multimediale e intrattenimento digitale (22%), ingegneria industriale e manifatturiera (14%), aerospaziale e difesa (14%), edilizia e ingegneria civile (13%), industria chimica (12%), farmaceutico e biotecnologico (12%), energia (12%). Seguono, all’11%, ambiti istituzionali educativi e scientifici, tecnologia hardware, arte, intrattenimento e ricreazione.

“Il problema diventa significativo per le donne che vogliono tempo libero per la famiglia – si legge nell’indagine -. Un’azienda può offrire diverse opzioni di congedo mantenendo alto il rendimento femminile, ma anche quando le company dichiarano di sostenerle, le donne affermano che l’esperienza vissuta è purtroppo diversa”.

Second Hand Economy, in Italia un business che vale 24 miliardi di euro (grazie all’ecommerce)

L’usato si sta rivelando un’autentica miniera d’oro: questo specifico settore, la cosiddetta second hand economy, nel 2019 ha prodotto nel nostro paese un valore di ben 24 miliardi di euro. Una cifra ragguardevole – pari a circa l’1,3% del Pil nazionale – movimentata soprattutto dagli scambi online. Ma ci sono altri elementi che evidenziano quanto questa tendenza sia in ascesa: negli ultimi 5 anni è stata registrata una crescita del 33%, trainata soprattutto dall’ecommerce, che l’anno scorso ha generato valore per 10,5 miliardi (circa il 45% del totale).

Perché piace l’usato

Sono diverse le motivazioni che spingono gli italiani a fare shopping di oggetti di seconda mano, spiega una ricerca condotta da BVA Doxa per Subito.it: in particolare, piacciono velocità, accessibilità, semplicità e convenienza nella compravendita online, insieme a una più generale attenzione alla sostenibilità, al riuso e al risparmio. Se le giovani famiglie (75%) e la Gen Z (69%) si rivolgono sempre più spesso al mercato dell’economia dell’usato, i Baby Boomers non sono da meno, con oltre 6 italiani su 10 nella fascia di età 55-64 anni che comprano e vendono oggetti di seconda mano. La richiesta di oggetti di seconda mano, poi, ha avuto un ulteriore rilancio dopo il periodo di emergenza sanitaria degli ultimi mesi: molti nostri connazionali hanno deciso di optare per comportamenti virtuosi, per un’economia circolare sempre più rilevante e capace di generare valore reale in modo sostenibile.

Cosa e perché si compra di seconda mano?

Rispetto a cosa gli italiani hanno comprato di più online nel 2019, la classifica è guidata dal settore Casa&Persona (73%), seguito da Sports&Hobby (63%), Elettronica (57%) Motori (42%), Arredamento e casalinghi (36%), Libri e riviste e Informatica (pari merito al 30%) e Abbigliamento e accessori (26%). Comprare e vendere usato si conferma al quarto posto tra i comportamenti sostenibili più diffusi tra gli italiani (49%), subito dopo la raccolta differenziata (95%), l’acquisto di lampadine a LED (77%) e di prodotti a chilometro zero (56%). In linea con quanto rilevato nel 2018, continua a crescere l’importanza che viene data all’aspetto valoriale nella decisione di puntare sull’economia dell’usato, perché porta vantaggi non solo a livello personale, ma anche all’ambiente e alla società. La second hand economy è quindi sempre più una scelta sostenibile (44%), intelligente e attuale (40%), ma anche un modo per dare valore alle cose (37%). E il fatto che sempre di più gli acquisti di seconda mano siano una scelta, e non una necessità, è confermato da un dato importante: nel 2019 cala la quota di chi acquista second hand per risparmiare (59%). Ancora, oltre 7 intervistati su 10 (71%) ritengono che la second hand economy sia destinata a crescere ancora nei prossimi cinque anni, diventando sempre più una scelta consapevole e green (48%), un ottimo strumento per risparmiare (47%) e per rendere i consumi accessibili a più persone (30%).

Abitare prima e dopo il Covid-19, le soluzioni dei designer

L’emergenza Covid-19 sta cambiando le regole dell’abitare, la progettazione di quartieri, edifici, condomini e abitazioni in nome del rispetto per ambiente e salute. Di fatto, c’è un prima e un dopo Covid-19: sono bastati due mesi per condizionare ogni aspetto della nostra esistenza, a partire dalle abitazioni. Nei mesi di lockdown le nostre case si sono rivelate insufficienti a soddisfare i nuovi bisogni di famiglia, lavoro, socialità e igiene. Magari tutto sarà come prima, ma per ora la pandemia ha stimolato la riflessione di architetti, designer e progettisti, intenti a tracciare nuovi modi per abitare riconfermando il ruolo sociale dell’architettura.

Architettura ed economia circolare

Design Force, composto da studi di architettura, design italiani e internazionali, imprese e professionisti, ha tracciato il futuro dell’abitare nel progetto di DesignTech sviluppato nell’ambito di Mind (Milano Innovation District), l’hub di innovazione tecnologica dedicato al design. Secondo Design Force i nuovi edifici avranno una sorta di data di scadenza, e una volta invecchiati potranno essere smontati invece che demoliti, perché costruiti in blocchi di moduli interamente riciclabili. Gli edifici saranno progettati in modo biodinamico, con sistemi di areazione e regolazione della temperatura comandati da camini solari e torri del vento, saranno illuminati con luce naturale e dotati di soluzioni isolanti e schermatura solare, oltre che composti da materiali nobili per l’ambiente, riporta Ansa.

Gli spazi interni diventeranno ibridi

Architetti e designer stanno progettando nuovi sistemi di ventilazione naturale e ricambi d’aria automatici aperti, e non chiusi come accade per l’aria condizionata. Porte e superfici di casa verranno comandate con sensori anche indossabili o controlli vocali, e tutto sarà touchless. In casa non ci sarà più spazio per materiali sintetici, ma solo naturali e germorepellenti, come bronzo, rame e ottone. Gli interni saranno ibridi, con pareti flottanti e quinte a scomparsa. I mobili saranno su rotaie o su ruote per adattarsi gli ambienti a seconda delle necessità. E di sicuro finirà l’era dei loft minimalisti. Secondo gli esperti gli spazi diventeranno ibridi, trasformandosi da luoghi di lavoro a spazi di svago e co-living anche grazie alla domotica.

Dalla smart city alla safe city Anche gli spazi all’aperto cambieranno. In questi mesi abbiamo assistito e vissuto un nuovo uso degli spazi interstiziali alle nostre abitazioni, come pianerottoli, balconi, ballatoi, terrazzi e cortili condominiali, piani scala e parcheggi. Queste aree sono divenute estensioni del nostro vivere quotidiano, e saranno attrezzate con strutture modulari ibride montabili, smontabili e aggregabili. Gli autori sostengono che passeremo dalle smart cities digitalizzate alle safe cities, dove la tecnologia dialogherà con la sicurezza e il distanziamento. Anche con la progettazione di quartieri in cui negozi e luoghi di socialità non saranno più concentrati in pochi isolati, ma diffusi nello spazio. In modo da creare multi centri per decomprimere le aree troppo affollate

Matrimoni, feste e viaggi. I soldi persi dagli italiani a causa del Covid-19

I mesi primaverili per tradizione sono quelli in cui si celebrano matrimoni, comunioni, e cresime, o ci si concede un viaggio per le vacanze pasquali. La quarantena quest’anno ha però costretto più di 9,6 milioni di famiglie italiane a cancellare o rimandare impegni già programmati, e per i quali le spese erano già state sostenute. Da un’indagine di Facile.it commissionata all’istituto mUp Research, in collaborazione con Norstat, emerge che più di 5,1 milioni di famiglie, pari al 27,6% dei nuclei familiari italiani, hanno dovuto annullare i festeggiamenti, anche se avevano già sostenuto i costi legati alla ricorrenza.

Compleanni e matrimoni non rimborsati

Un caso particolare è quello legato alle feste di compleanno previste in sale prese in affitto. Il 13,7% delle famiglie è stato costretto ad annullarle, e più della metà (50,8%) non è riuscita a ottenere un rimborso. È andata meglio al 13,4% di coloro che hanno ottenuto un rimborso completo, o al 22,9% che almeno ha avuto la possibilità di riutilizzare, sia pure in un’altra data, quanto già pagato.

Oltre 1,1 milioni di famiglie, poi, erano coinvolte in matrimoni che gli sposi sono stati costretti ad annullare. Ma oltre al danno hanno subito anche la beffa, visto che il 29,1% di loro non ha ottenuto alcun rimborso per la cerimonia cancellata.

Il 34,8% di famiglie ha dovuto disdire un viaggio

Sono il 34,8% le famiglie italiane che sono state costrette ad annullare una vacanza in tutto o in parte già pagata. Tra queste, quasi una su tre (poco più di 2 milioni di nuclei) non è riuscita a ottenere alcun rimborso, e se si considerano anche coloro che hanno ottenuto solo un rimborso parziale si arriva a 3 milioni di famiglie. Il 20,8% dei nuclei familiari non ha potuto usufruire del biglietto aereo, navale o ferroviario. Come forma di rimborso, nel 35% dei casi è stato offerto un voucher da poter riutilizzare in un’altra data, ma una famiglia su 4 (25,5%), non ha ottenuto alcun rimborso, riporta Adnkronos.

Il 13,7% poi ha dovuto annullare prenotazioni fatte in hotel e B&B, e se il 35,5% dei nuclei familiari ha ottenuto dalla struttura un rimborso completo, al 32,6% è stata data la possibilità di cambiare la data di check-in.

Eventi e manifestazioni annullate

Tra gli impegni che gli italiani hanno dovuto annullare ci sono anche la partecipazione a eventi, manifestazioni, congressi, concerti, fiere e spettacoli. Questo riguarda il 25,2% delle famiglie italiane. Più in particolare, il 12,3% non ha potuto assistere a concerti o spettacoli teatrali, anche se nel 49,2% dei casi è stata data la possibilità di riutilizzare quanto già acquistato in un’altra data. Nel 33,6% dei casi però non si è ottenuto alcun rimborso.

Il 7,8% delle famiglie ha dovuto anche disdire la partecipazione a eventi sportivi, valore che raggiunge il 10,5% nei nuclei con 4 o più componenti, e sale fino al 10,8% nelle famiglie in cui sono presenti figli minorenni.

Covid-19, turismo e rimborsi: la scelta spetta all’organizzatore

Il decreto legislativo del 2 marzo 2020 prevede misure finalizzate a evitare di porre in difficoltà le imprese del Turismo che, a causa delle cessazione di ogni forma di viaggio per la crisi Covid-19, hanno azzerato la loro produzione. Allo stesso tempo, il Dl ha disposto anche misure relative al rimborso di titoli di viaggio e pacchetti turistici ai consumatori. All’art. 28, comma 5, il Dl stabilisce infatti che in caso di recesso, l’organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, e può procedere al rimborso, oppure può emettere un voucher da utilizzare entro un anno dalla sua emissione, di importo pari al rimborso spettante. Le associazioni del comparto del turismo organizzato, Astoi Confindustria viaggi, Aidit, Assoviaggi e Fto, fanno perciò chiarezza sull’utilizzo dei voucher, e la scelta di rimborsare o meno, spiegano, è solo in capo all’organizzatore

Il testo normativo non lascia adito a dubbio

Il tenore letterale del testo normativo, spiegano le Associazioni, non lascia adito a dubbio alcuno circa il fatto che la scelta in merito alle gestione delle conseguenze del recesso dal pacchetto turistico, con l’adozione di una tra le opzioni indicate, è rimessa esclusivamente all’organizzatore (tour operator o agenzia di viaggio) e non al viaggiatore. Questo, contrariamente a quanto affermato da alcune Associazioni di Consumatori, riporta Askanews. L’intento perseguito dal Legislatore italiano risponde infatti all’esigenza precisa e prioritaria di evitare di porre le aziende in default finanziario, consentendo loro di emettere un voucher di valore corrispondente alle somme versate dai viaggiatori in alternativa al rimborso del prezzo.

Si richiama l’attenzione sul valore di tutela dell’interesse generale

Pertanto, appare strumentale e fuorviante l’informazione che spetti al consumatore scegliere se usufruire del voucher ovvero ottenere il rimborso, o che la scelta operata dall’organizzatore sia soggetta a forme di accordo o di accettazione da parte del consumatore. A fugare ogni eventuale dubbio residuo, ammesso che di dubbi si voglia parlare poiché il dettato normativo non necessita di interpretazione stante la sua chiarezza, si richiama l’attenzione sul valore di tutela dell’interesse generale sotteso alle norme emanate in situazione di contingenza. Le misure sopra richiamate infatti assumono valore, come espressamente si legge nel decreto, di norme di applicazione necessaria.

Disposizioni straordinarie che prevalgono su tutte le altre norme

Le norme di applicazione necessaria sono disposizioni il cui rispetto è ritenuto cruciale da un Paese per la salvaguardia dei suoi interessi pubblici, quali la sua organizzazione politica, sociale o economica. Al punto da esigerne l’applicazione a tutte le situazioni che rientrino nel loro campo d’applicazione, qualunque sia la legge applicabile ai contratti.

Si tratta quindi di disposizioni straordinarie, emanate in situazioni di emergenza, come nel caso di specie, che prevalgono su tutte le altre norme, applicabili in situazioni di normalità. Ne discende che se valessero le disposizioni ordinarie, che prevedono la restituzione al viaggiatore delle somme versate, non ci sarebbe stata alcuna necessità di indicare le disposizioni dell’art.28 quali norme di applicazione necessaria.

Vivere da ricchi o modestamente, la percezione cambia in base al reddito

La percezione della prosperità cambia in base al reddito, e gli standard da parte di chi ha quanto basta, chi ha molto e chi moltissimo cambiano parecchio. Lo studio Living on different income in London, condotto dalla Loughborough University e dalla University of Birmingham per l’associazione di beneficenza inglese Trust for London, ha stilato la lista dei beni e servizi essenziali per l’anno 2020 in base alle diverse tasche. Per i super ricchi, ad esempio, la lista comprende molte case (senza mutuo) in diversi Paesi, jet privati, supercar e yacht, mentre per chi vive con un reddito minimo cibo, vestiti e un riparo.

Super ricchi e ricchi

Imprenditori, celebrities, manager-inventori di alto profilo, calciatori di serie A e proprietari di squadre di calcio sono i super ricchi di oggi, mentre fra i ricchi rientrano banchieri di fascia alta, avvocati, persone con proprie attività commerciali, proprietari di più immobili in affitto, azioni e dividendi, investimenti offshore e cospicue eredità. I ricchi possiedono case grandi, con camere extra, oltre a una casa per le vacanze, al mare o in un altro Paese. Hanno un auto in più e fanno almeno 5 vacanze all’anno. I bambini vanno in scuole private di prestigio.  Rientra invece nella categoria di coloro che vivono comodamente chi possiede una casa (anche con mutuo) con camere da letto sufficienti per ogni componente della famiglia e servizio di portineria.

Vivere comodamente

Chi vive comodamente si rivolge a consulenti finanziari per la gestione dei propri soldi e spende soprattutto in beni di consumo, come abbigliamento e accessori, a volte, di lusso. Hanno la tv on demand, tablet e cellulari delle marche più prestigiose e li sostituiscono appena escono i nuovi modelli. A casa ordinano spesso il cibo a domicilio, e vanno al ristorante una volta alla settimana. Fanno una vacanza estiva di due settimane in un luogo da raggiungere con un volo di lungo raggio, e una vacanza invernale di 7-10 giorni. Hanno un’assicurazione privata per le spese sanitarie e pagano servizi extra per il benessere, riporta Ansa.

Sopravvivere comodamente o con un reddito minimo

Possedere una piccola casa in periferia pagando il mutuo basta a rientrare nella categoria di chi sopravvive comodamente. A questo si somma qualche risparmio per le emergenze. Mangiare qualche volta fuori casa si può, così come andare al cinema una volta alla settimana, avere un abbonamento in palestra e uno alle piattaforme tv. La spesa però si fa nelle grandi catene di supermarket, e l’auto si compra ogni 5-10 anni a rate.

Per chi invece vive con il livello minimo di reddito si tratta di avere ciò di cui si ha bisogno. Come abitare in cohousing o in monolocali in affitto, comprare smartphone con contratti a basso costo, e avere accesso ai canali tv free. Non si possiede un’auto. A cena fuori si va per le occasioni speciali, e si fa una settimana di vacanza l’anno affittando appartamenti sulle piattaforme online.

Tripadvisor, arriva il Centro Recensioni per i ristoratori

Tripadvisor lancia il Centro Recensioni, il nuovo portale interattivo che dà la possibilità ai proprietari di ristoranti di rispondere alle recensioni. Non solo di Tripadvisor, ma anche di TheFork, Google, Facebook e altri ancora. Il tutto da un’unica piattaforma. Il 90% dei consumatori afferma infatti che le recensioni contano nella scelta del posto dove mangiare, ed è importante per i ristoranti prestare attenzione ai feedback online dei clienti. Quando i proprietari rispondono, il 63% dei consumatori è più propenso a prenotare. E con il nuovo servizio Tripadvisor intende aiutare i ristoranti a gestire meglio il proprio business, e a prendere il controllo della reputazione online.

Una panoramica dei punteggi da diverse piattaforme 

“Pochi ristoratori hanno tempo di entrare in ognuno dei vari siti di ristoranti per rispondere alle recensioni dei loro clienti – ha commentato Bertrand Jelensperger, senior vice president of Restaurants, Tripadvisor – e il Centro Recensioni è l’ultimo esempio degli sforzi di Tripadvisor per rendere più semplice la gestione e il marketing online dei ristoranti per i proprietari”. Ma come funziona Centro Recensioni? Centro Recensioni mostra una panoramica dei punteggi e delle recensioni di diverse piattaforme e dà la possibilità ai proprietari di esplorare in modo approfondito l’andamento delle recensioni, permettendo così di vedere cosa funziona, e dove si può migliorare l’esperienza dei clienti. Questo, grazie a una gamma completa di recensioni di diversi siti.

Gestire la reputazione online è più facile

I proprietari dei ristoranti possono quindi rispondere velocemente a ogni recensione con una risposta ponderata della direzione, ringraziare gli ospiti per i loro feedback e condividere la loro versione dei fatti. La risposta della direzione che condivideranno viene quindi automaticamente postata sul sito, o sull’app, su cui la recensione originariamente è stata pubblicata dal cliente, rendendo la gestione della reputazione online più facile e veloce. Centro Recensioni è un servizio in abbonamento, disponibile per i proprietari di ristoranti, operatori e team di digital marketing. L’iscrizione può essere mensile o annuale, ed è disponibile in tutti i mercati in cui opera Tripadvisor. 

L’importanza di rispondere al cliente

Uno Studio IPSOS Mori, dal titolo Il potere delle recensioni, mostra che oltre il 90% dei clienti sostiene che le recensioni dei ristoranti siano importanti nella scelta di un posto in cui mangiare. Un dato che mostra quanto sia importante prestare attenzione a cosa dicono i consumatori online. Anche perché le recensioni online non solo mostrano le esperienze dei clienti passati, ma danno anche ai proprietari la possibilità di mostrare il meglio della loro attività a possibili clienti futuri. Dallo studio emerge poi che 6 su 10 intervistati (63%) affermano di essere più propensi a prenotare se i proprietari rispondono alla maggior parte delle recensioni. E quando un proprietario lascia una risposta personalizzata alle recensioni, sono oltre tre quarti dei rispondenti (77%) a sostenere di essere più propensi a prenotare.

Record per il Made in Italy sulle tavole di tutto il mondo, 3,5 miliardi di euro

Il Made in Italy vola sulle tavole delle feste di tutto il mondo. L’export dei prodotti tipici del nostro comparto agroalimentare hanno segnato un vero e proprio record. In tutto il mondo l’export italiano di vini, spumanti, panettoni, formaggi, salumi, ma anche caviale nostrano, nel periodo di Natale e Capodanno 2019 ha raggiunto infatti complessivamente i 3,5 miliardi di euro. Un aumento del 7% rispetto alle festività del 2018. Tra i grandi protagonisti del cibo Made in Italy sulle tavole delle feste straniere si conferma lo spumante, che grazie a un aumento in valore del 4% fa segnare un nuovo record, in linea con la crescita dell’intero settore vitivinicolo, anch’esso in aumento del 4%.

Tutti pazzi per panettoni, tortellini, formaggi e cotechini

Non solo spumante, ma anche dolci, salumi, e pasta ripiena. Da quanto emerge da un’analisi della Coldiretti, sulla base delle proiezioni relative al mese di dicembre 2019 effettuate sui dati Istat del commercio estero, a essere richiesti all’estero sono infatti anche i nostri dolci nazionali, come i panettoni e gli altri prodotti della pasticceria tipica delle feste, complessivamente in aumento dell’11% in valore. Sempre più gettonata poi anche la pasta farcita tradizionale del periodo invernale, come i tortellini e i cappelletti, che hanno segnato una crescita del +8%. Ma è in salita anche la domanda dei formaggi italiani, che hanno fatto registrare un aumento in valore delle esportazioni pari al 12%, così come quella di prosciutti, cotechini e altri salumi, cresciuti del +3%.

Boom per il caviale italiano, all’estero +18%

La vera sorpresa però è il successo del caviale Made in Italy, che a dicembre 2019 ha fatto segnare una crescita boom sui mercati internazionali, con un +18% nelle esportazioni, riporta Askanews.

“Il record fatto segnare sulle tavole delle feste è significativo delle grandi potenzialità che ha l’agroalimentare italiano, che traina la ripresa dell’intero Made in Italy, peraltro in una situazione resa difficile a causa delle tensioni internazionali, ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini.

Tutelarsi dai prodotti taroccati della “agropirateria”

Ma secondo il presidente della Coldiretti “l’andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare da una più efficace tutela nei confronti della agropirateria internazionale che utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati – sottolinea Ettore Prandini – che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale”.

Aziende più attrattive, Ferrero, Ferrari, Intesa Sanpaolo sul podio

Tra le aziende più ambite e attrattive del 2019 i professionisti scelgono soprattutto quelle italiane, come Ferrero, Ferrari, Intesa Sanpaolo, Luxottica, UniCredit, Eni, Enel, Ferrovie dello Stato Italiane e Lamborghini. In particolare Ferrero, Luxottica, Intesa Sanpaolo e FSI sono tra le 5 più ambite dalle giovani manager, e Ferrero è la prima per gradimento per tutte le donne, indipendentemente dal profilo accademico, che sia business o stem.

È quanto emerge dalla ricerca Universum Most Attractive Employers Italy 2019 Professionisti: le aziende dei desideri dei giovani professionisti italiani, realizzata da Universum Global, la società svedese di progetti di ricerca e consulenza in campo employer branding.

Google è il datore di lavoro che meglio parla ai giovani

La ricerca, giunta alla quarta edizione, ha coinvolto più di 8.000 tra giovani professionisti provenienti da 35 settori sparsi su tutto il territorio nazionale, e quasi 4.000 professionisti senior. Per i professionisti di curriculum economico, 6 delle prime 10 aziende più attrattive sono italiane. Tra le prime cinque, a eccezione del colosso di Mountain View, che conquista il primo posto, si piazzano in testa Ferrero, seguita da Intesa Sanpaolo, Luxottica e UniCredit. A livello generazionale, Google è il datore di lavoro che meglio parla ai giovani professionisti, mentre le figure senior si identificano maggiormente con Ferrero.

Lamborghini e LVMH fanno per la prima volta il loro ingresso tra le TOP 10 della classifica.

Ferrero la più desiderata dalle giovani manager italiane

Per i professionisti formatisi nell’area ingegneristica sono 6 le italiane a occupare le prime dieci posizioni, Ferrari, ENI, Ferrero, ENEL, Ferrovie dello Stato Italiane e Lamborghini. Ferrero rimane stabile in prima posizione per il pubblico femminile, ed è l’azienda più desiderata dalle giovani manager italiane. Luxottica, che recupera 3 posizioni, e Intesa Sanpaolo, Ferrovie dello Stato Italiane le altre italiane nella top 5 di gradimento, rispettivamente per profili economici e scientifici. Forte rappresentanza del settore Moda per le giovani manager che hanno studiato business: oltre a Luxottica, anche LVMH, Giorgio Armani, Calzedonia e Valentino tra le 15 aziende più desiderate. Rimangono salde ai primi posti Intesa Sanpaolo e UniCredit Group, separate da pochi punti percentuali.

Eni, Enel e Fincantieri aumentano la propria attrattività

Per le giovani donne stem il farmaceutico continua ad aumentare la propria attrattività, ma sono sempre più desiderate dalle donne anche le italiane Eni, Enel e Fincantieri. In generale, sia i professionisti più giovani sia i senior, indipendentemente dal proprio percorso accademico, vogliono essere coinvolti e dare un proprio contributo in un posto di lavoro stimolante, prima caratteristica da loro ricercata, mentre i professionisti di profilo business collocano al primo posto l’avere opportunità di essere un leader, e i profili Stem danno maggiore importanza alla meritocrazia. Le tendenze, riporta Adnkronos, continuano su direzioni diverse per fasce di esperienza. I giovani professionisti riconoscono l’importanza di avere un obiettivo a cui ispirarsi. Le figure senior, invece, premiano un ambiente di lavoro creativo e dinamico.

Saper leggere e scrivere protegge il cervello

Gli analfabeti, coloro che non hanno mai imparato a leggere e scrivere, presentano un rischio quasi tre volte maggiore di sviluppare una demenza rispetto chi è in grado di farlo. Leggere e scrivere infatti si rivelano un vero e proprio “scudo” contro la demenza. Almeno, secondo uno studio americano pubblicato su Neurology.

“Essere in grado di leggere e scrivere consente alle persone di impegnarsi in più attività – spiega Jennifer J. Manly, della Columbia University Vagelos College of Physicians di New York e autrice dello studio – come leggere giornali e aiutare figli e nipoti a fare i compiti”. E se precedenti ricerche dimostrano che queste attività possono ridurre il rischio di demenza “il nostro nuovo studio – aggiunge Manly – fornisce ulteriori prove del fatto che leggere e scrivere possono essere fattori importanti per mantenere un cervello sano”.

Uno studio americano su 983 persone con bassi livelli di istruzione

Lo studio ha coinvolto 983 persone con età media di 77 anni e bassi livelli di istruzione. I ricercatori hanno chiesto loro se avessero mai imparato a leggere o scrivere, dividendoli poi in due gruppi, 237 analfabeti e 746 alfabetizzati.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a esami medici e hanno sostenuto test di memoria e cognitivi, sia all’inizio dello studio sia nel corso di follow-up fissati ogni 18-24 mesi. I test includevano la capacità di ricordare il maggior numero di parole relative a determinate categorie, dalla frutta agli abiti.

Dopo quattro anni il 48% degli analfabeti si è ammalato di demenza

I ricercatori hanno scoperto che fra gli analfabeti 83 persone su 237 (il 35%) soffrivano di demenza all’inizio dello studio. Nell’altro gruppo il dato era di 134 persone su 746, ovvero il 18%. Dopo aver adattato i dati tenendo conto di età, stato socioeconomico e malattie cardiovascolari, è risultato che gli anziani che non sapevano leggere e scrivere avevano una probabilità quasi tre volte maggiore di demenza. Tra i partecipanti cognitivamente sani all’inizio dello studio, infatti, dopo quattro anni il 48% degli analfabeti si era ammalato di demenza, contro il 27% dell’altro gruppo.

L’alfabetizzazione è legata a punteggi più alti anche su memoria e test cognitivi

I ricercatori hanno concluso quindi che chi non era in grado di leggere e scrivere aveva il doppio delle probabilità di sviluppare una demenza, riporta Adnkronos. E fin dall’inizio del monitoraggio anche la capacità di linguaggio e ragionamento sono risultate ridotte negli anziani analfabeti.

“L’alfabetizzazione era legata a punteggi più alti sulla memoria e nei test cognitivi in generale, non solo ai punteggi di lettura e linguaggio – commenta Manly -. Anche se hanno solo pochi anni di istruzione alle spalle, le persone che imparano a leggere e scrivere possono beneficiare di vantaggi per tutta la vita rispetto a chi non ha imparato mai”.