Categoria: Curiosità

Felicità e lavoro, donne meno appagate degli uomini

Il 44% delle donne italiane non è appagato dalle opportunità di carriera. Dai dati dell’Osservatorio sulla Felicità condotto dall’Associazione Ricerca Felicità emerge che le donne si sentono meno felici sul lavoro rispetto agli uomini. Una sensazione confermata dal 41% delle intervistate, che si dichiara insoddisfatta del proprio compenso, mentre l’insoddisfazione per l’opportunità di sviluppo di carriera è per le donne maggiore di 9 punti percentuali rispetto agli uomini (35%). Del resto, l’insoddisfazione femminile nell’ambito professionale è il punto di partenza per una felicità equa nel mondo del lavoro.

Poca soddisfazione per compenso e opportunità lavorative

Il barometro della felicità misura la soddisfazione della popolazione italiana attiva nel mondo del lavoro basandosi su un sistema di misurazioni oggettive effettuate a cadenza annuale. L’obiettivo è aiutare le organizzazioni a considerare il tema della felicità in ambito lavorativo. I temi indagati dalla seconda edizione dell’Osservatorio riguardano la soddisfazione sul compenso e sulle opportunità lavorative. E i risultati parlano chiaro: le donne risultano meno soddisfatte rispetto agli uomini, il 41% del compenso, contro il 28% degli uomini, e il 44% per le opportunità di sviluppo di carriera, contro il 35% degli uomini.

Un punto di partenza su cui si è chiamati a riflettere

“I dati raccolti non hanno la pretesa di voler fornire risposte, si tratta di un punto di partenza su cui noi tutti siamo chiamati a riflettere – dichiara Elisabetta Dallavalle, Presidente dell’Associazione Ricerca Felicità -. Il nostro obiettivo è quello di captare i segnali provenienti dal mondo del lavoro, affinché si possano trovare gli strumenti utili per il raggiungimento di un benessere collettivo. Non sappiamo con assoluta certezza perché il 41% delle donne non siano soddisfatte del proprio compenso e il 44% non siano appagate dalle proprie opportunità di sviluppo di carriera sul lavoro, ma supponiamo possa esistere nella donna un certo grado di difficoltà nell’esprimere il proprio disagio in ambito lavorativo, e in questa ricerca penso abbiano voluto farlo presente”.

Meno divario per il rispetto e il riconoscimento dei propri meriti

Quanto a rispetto e riconoscimento dei propri meriti il divario tra uomo e donna è minore. Infatti, alla domanda “mi trattano con rispetto, senza discriminazione”, le risposte negativo da parte delle donne sono il 14%, mentre quelle degli uomini il 10%. Alla domanda “riconoscono sempre i miei meriti”, le risposte negative delle donne sono il 31%, contro il 28% di quelle degli uomini. Tuttavia, l’11,9% degli intervistati riconosce come falsa l’affermazione “mi aiuta a capire me stesso” in ambito lavorativo, così come è ritenuta falsa dal 12,2% l’affermazione “l’ambiente mi fa sentire compreso”.

Complessivamente, il campione ritiene di essere considerato dagli altri più felice di quanto si senta. Una sensazione lievemente più evidente per le donne (39% vs 36% uomini), anche rispetto a sentirsi veramente felici (26% vs 31% uomini).

Un sondaggio mondiale sull’uguaglianza e la violenza di genere

La violenza domestica è aumentata a causa delle misure di sicurezza a contrasto della pandemia? Le restrizioni hanno avuto implicazioni sull’uguaglianza di genere? A rispondere è l’Annual WIN World Survey (WWS – 2020), che monitora proprio i dati globali sulla violenza e l’uguaglianza rilevando i cambiamenti avvenuti rispetto agli anni precedenti. La ricerca di WIN International, di cui BVA Doxa è membro italiano e socio fondatore, esplora le opinioni di 29.252 cittadini di 34 paesi in tutto il mondo, ed evidenzia che in linea con quanto rilevato a livello globale, anche in Italia la percentuale di donne che dice di aver subìto violenze di tipo fisico o psicologico si attesta al 17%.

La situazione italiana

Per quanto riguarda le molestie subìte nell’ultimo anno, in Italia il 5% di donne ammette di esserne stata vittima, un dato leggermente più basso rispetto alla media globale (8%) ed europea (6%). Anche in Italia poi il luogo in cui l’uguaglianza di genere è maggiormente percepita è la casa (74%), un dato allineato anche con la media europea (71%). Si distanziano di molto però le percentuali di coloro che in Italia credono che l’uguaglianza di genere sia stata raggiunta in altri ambiti: solo il 41% al lavoro e il 42% in politica, che come a livello mondiale si riconfermano gli ambienti meno equi.

Il monitoraggio sulla violenza

Rispetto agli anni precedenti, c’è poco o nessun miglioramento in termini di violenza subita dalle donne, e i risultati sono purtroppo stabili (17% 2020, 16% 2019). Sebbene riscontrino un miglioramento rispetto allo scorso anno le donne nel continente americano (23%) e le donne in Africa (24%) hanno subìto violenze fisiche o psicologiche più delle donne di altre aree.  Come nelle precedenti rilevazioni, poi, le donne tra i 18 ei 24 anni subiscono la più alta incidenza di violenza fisica e psicologica (24%), ma la percentuale di donne in India che subisce violenza è più alta che in altri paesi (48%), seguite da donne cilene e argentine (36%). Le percentuali più basse si trovano invece in Vietnam (1%), Cina e Corea del Sud (5%).

Le molestie sessuali

Nonostante le campagne in tutto il mondo, i risultati mostrano scarsi miglioramenti: l’8% delle donne ha subìto molestie sessuali nell’ultimo anno (2020), rispetto al 9% nel 2019 e al 10% nel 2018. In relazione ad altre regioni, le donne nelle Americhe riferiscono di aver subito molestie sessuali in misura maggiore, anche se la percentuale scende di 4 punti rispetto allo scorso anno (20% vs 16%). In generale, se le differenze che emergono fra le diverse aree geografiche vanno interpretate nel contesto di riferimento le donne di età compresa tra 18 e 24 anni registrano ancora il più alto tasso di molestie sessuali (18%). India (29%), Messico (28%) e Brasile (21%) nel 2020 segnalano le più alte percentuali di molestie sessuali, mentre Vietnam (1%), Slovenia (1%) e Indonesia (2%) le cifre più basse.

Vecchia routine, quando manchi! Nostalgici 7 italiani su 10

Le care, vecchie abitudini messe tutte in discussione dalla pandemia quanto ci mancano? Tanto, ani tantissimo. A confermarlo è il sondaggio “La routine degli Italiani al tempo della pandemia” condotta da Bva-Doxa per l’Agenzia ONU per i rifugiati (UNHCR). obiettivo dell’indagine, oltre a esaminare il sentiment dei nostri connazionali, è quello di stimolare una riflessione sull’importanza delle certezze della routine quotidiana, proprio come l’istruzione per i bambini, sostenendo dall’altro lato una campagna per raccogliere fondi per ricostruire 4.000 scuole nel Sahel a favore di 700mila bambini rifugiati.

L’85% fa fatica ad adattarsi alla nuova vita

Il 75% degli intervistati, rivela il sondaggio, vorrebbe tornare alla vita di prima e più di 8 su 10 (85%) ha trovato difficile adattarsi alle limitazioni imposte dalla pandemia. Un dato che non ci lascia del tutto sorpresi, visto il particolare momento storico che stiamo vivendo, ma che assume un significato diverso se confrontato con la visione che gli Italiani avevano della routine qualche anno fa: nel 2013, il 35% dei nostri connazionali (quasi 18 milioni di Italiani) dichiarava che avrebbe immediatamente cambiato vita se solo avesse potuto. Se prima della pandemia la routine era considerata in qualche modo noiosa e scontata, oggi invece viene fortemente rivalutata e desiderata.

Come ci sentiamo? Oscilliamo tra paura e speranza

Il 49% degli intervistati si sente preoccupato per il futuro che si presenta incerto, mentre il 40% si pone tutto sommato sereno e fiducioso verso tempi migliori che di sicuro arriveranno; infine l’11% si dichiara fortunato per avere delle certezze e una stabilità. Del resto, il 25% degli Italiani sostiene che in questa fase difficile della nostra storia ha scoperto nuovi aspetti importanti della propria personalità; il 15% è riuscito anche ad adattarsi facilmente e a sfruttare questo momento per una crescita personale. Per quanto riguarda gli aspetti della vita che ci mancano di più rispetto a prima, non sorprende che siano i ritrovi in famiglia e con gli amici, siete ai viaggi e agli abbracci.  

Non sarà come prima, anche nelle piccole cose

Anche se esiste una larga fetta di popolazione che resta positiva, il giudizio sul “poi” è quasi unanime: circa 9 italiani su 10 (88%) pensano che, una volta finita l’emergenza , la routine cambierà completamente. Oltre la metà degli intervistati (53%) afferma che, dopo questa esperienza, apprezzerà di più le certezze e le piccole cose della vita, senza dare più nulla per scontato; il 21% dichiara anche che cercherà di ridurre al massimo gli sprechi. Infine, il 20% sostiene che non si farà più prendere dalla frenesia del lavoro e degli impegni quotidiani e che dedicherà più tempo agli affetti e alle cose veramente importanti, mentre il 6% afferma che dedicherà più tempo anche alle persone più vulnerabili.

Prospettive economiche per il 2021 e livello di felicità

Il 2021 sarà migliore del 2020? E il livello di felicità sarà più alto o più basso dell’anno passato? A queste domande ha risposto il consueto sondaggio di fine anno condotto fin dal 1979 dagli istituti di ricerca appartenenti al network Gallup International, di cui BVA Doxa è parte ed è responsabile della raccolta dati nel nostro Paese. Realizzato in più di 40 paesi del mondo e basato su oltre 38.000 interviste, il sondaggio rivela che nonostante la popolazione mondiale condivida un generale ottimismo per l’anno appena cominciato, questo ottimismo non riguarda la situazione economica. Più della metà della popolazione mondiale però, a sorpresa, si considera felice.

Il 43% della popolazione è ottimista

Più in particolare, dalla ricerca emerge che solo il 24% della popolazione mondiale ritiene che il prossimo anno sarà peggiore di quello passato, mentre gli ottimisti, coloro che credono che il prossimo anno sarà migliore di quello passato, sono il 43% della popolazione. Per il 26% del campione invece il 2021 sarà uguale al 2020.

Il 46% si aspetta un anno economicamente difficile

Diversi sono i dati che riguardano le prospettive economiche: la dura crisi mondiale causata dal coronavirus ha fatto sì che coloro che si aspettano un anno economicamente difficile rappresentino il 46% della popolazione. Rimane comunque un quarto della popolazione (25%) che crede in una imminente prosperità economica, e un altro 24% pensa che a livello economico il 2021 sarà uguale all’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle.

Le aspettative in Europa e in Italia

Se si guarda all’Europa, i dati sono in linea con quelli condivisi a livello mondiale, e il 57% non si dice ottimista riguardo alla situazione economica futura. E l’Italia? Anche se la maggior parte degli italiani in generale (51%) non è ottimista riguardo al prossimo anno, il 28% si limita ad affermare che il 2021 sarà simile all’anno passato, e il 21% pensa lo stesso per quanto riguarda la situazione economica. Nonostante questo, il 17% della popolazione in Europa ritiene che il 2021 sarà caratterizzato da una prosperità economica.

La felicità non ne risente

Nonostante il pessimismo economico, da riferire ovviamente alla crisi globale causata nel 2020 dalla pandemia da coronavirus, un altro dato, quello sulla felicità, sembra bilanciare le opinioni. Più della metà della popolazione mondiale infatti si considera felice (54%), e solo il 14% si ritiene infelice. Anche la popolazione europea condivide la stessa posizione, con il 49% che afferma di ritenersi felice e solo il 13% infelice. In Italia, la quota degli “infelici” scende ancora di più rispetto alla popolazione mondiale ed europea, arrivando al 7%, con il 40% di coloro che si considerano felici.

Facebook lancia GetDigital. Come utilizzare gli strumenti online in modo responsabile

Conoscere e padroneggiare correttamente e in sicurezza gli strumenti digitali: è l’obiettivo di  GetDigital, il progetto lanciato da Facebook che offrirà approfondimenti, suggerimenti e risorse complete per aiutare genitori, insegnanti e giovani italiani a sviluppare le competenze necessarie per diventare cittadini digitali consapevoli. I programmi di GetDigital si articolano su cinque temi chiave, Le Basi del digitale, Il Benessere, le Interazioni, l’Emancipazione e le Opportunità del Digitale, sviluppati in modo specifico per genitori, insegnanti e giovani. Sono questi infatti gli argomenti fondamentali per aiutare a costruire competenze e abilità di cui oggi i giovani hanno bisogno per navigare nel mondo digitale in modo sicuro.

Fra i partner internazionali le Università di Harvard e Yale

Queste risorse sono state sviluppate da Facebook insieme a esperti internazionali del mondo digitale, che hanno collaborato per fornire strumenti validi, affidabili e supportati dalle più moderne ricerche applicabili a tutte le piattaforme online, non solo quindi a quelle di Facebook. Tra i partner internazionali del progetto vi sono anche colossi dell’istruzione mondiale come le Università di Harvard e Yale, e organizzazioni come l’Unesco. Per il lancio italiano, Facebook ha deciso di collaborare con la Fondazione Carolina, nata per raccogliere la sfida di Paolo Picchio, il padre di Carolina, vittima di cyberbullismo che a 14 anni si è tolta la vita.

Realizzare un futuro in cui la Rete sia un luogo sicuro

La missione della Onlus dedicata a Carolina è realizzare un futuro in cui la Rete sia un luogo sicuro per i bambini e gli adolescenti, riscoprendo il valore delle relazioni autentiche anche sui social. Attraverso attività di prevenzione, ricerca e supporto, la Fondazione aiuta i ragazzi che sempre più in tenera età si fanno del male tra loro usando internet in maniera distorta e inconsapevole. Grazie alla collaborazione con Fondazione Carolina, GetDigital offrirà anche occasioni di incontro con esperti che nel corso di un ciclo di 6 webinar gratuiti condivideranno consigli concreti e risponderanno a tutte le domande degli interessati, riporta Italpress.

Dal revenge porn alle challenge estreme

I webinar sono partiti il 12 novembre e si terranno per sei settimane ogni giovedì dalle 18 alle 19.30 in diretta sulle Pagine Facebook di Fondazione Carolina e di Binario F di Facebook. Chiunque non fosse in grado di seguirli Live potrà rivedere gli interventi registrati sulle due Pagine Facebook. Questi incontri saranno un’occasione importante per approfondire alcuni dei temi più delicati che genitori ed educatori si trovano ad affrontare quotidianamente nei riguardi dei più giovani, dal revenge porn alle challenge estreme.

La cessione del credito e il Superbonus 110%

Il Superbonus, lo strumento previsto dal Decreto Rilancio, eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per interventi specifici di efficientamento energetico e sicurezza antisismica realizzati sulle abitazioni. Con l’attivazione della piattaforma online dell’Agenzia delle entrate per la cessione del credito d’imposta ora è possibile avvalersi di questa misura, optando, tra l’altro, per il trasferimento alla banca per ottenere liquidità immediata. Ma come funziona la cessione del credito? Lo spiega l’Abi, che illustra le principali novità introdotte dalla nuova agevolazione fiscale.

A chi può essere ceduto il credito d’imposta? 

Uno degli aspetti principali del Superbonus è infatti rappresentato dalla possibilità di optare per la cessione del credito di imposta o per lo sconto in fattura, anziché portare in detrazione in cinque anni le spese sostenute per gli interventi sugli immobili. Secondo quanto previsto dal Decreto Rilancio le banche possono favorire la realizzazione degli interventi agevolati dal bonus fiscale anticipandone l’importo, e finanziando i lavori, anche a chi al momento non ha la disponibilità necessaria. Ma a chi può essere ceduto il credito d’imposta? Il credito d’imposta, spettante a fronte dell’esecuzione dei lavori agevolati con il Superbonus, può essere ceduto all’impresa fornitrice degli interventi o ad altri soggetti privati, tra cui banche e intermediari finanziari.

Il beneficiario del Superbonus può optare per il trasferimento del credito d’imposta alla banca

Le banche possono favorire la realizzazione degli interventi agevolati dal bonus in tre modi: scontando il bonus fiscale del cittadino (o condominio) che ha riqualificato l’immobile, effettuando l’operazione di sconto in favore dell’impresa che ha realizzato i lavori e si è fatta cedere dal committente il bonus fiscale a fronte di una riduzione del prezzo in fattura, o concedendo, su richiesta dei clienti, finanziamenti ponte che poi possono essere estinti in tutto o in parte con la cessione del credito d’imposta alla banca. Il beneficiario del Superbonus può optare quindi per il trasferimento del credito d’imposta alla banca per ottenere liquidità immediata, senza la necessità di dover recuperare il beneficio fiscale nella dichiarazione dei redditi.

Cosa significa cedere il credito d’imposta alle banche?

Per poter cedere il credito d’imposta alle banche è necessario che siano state già pagate le fatture relative al saldo o agli stati di avanzamento dei lavori (SAL), che non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno dei quali deve riferirsi ad almeno il 30% del medesimo intervento. Al termine dei lavori, la cessione del credito di imposta del 110% dei lavori effettuati consente il rimborso del prestito della banca. Il finanziamento, infatti, potrà essere estinto in tutto o in parte, attraverso la cessione del bonus fiscale una volta che questo entrerà nel cassetto fiscale del cliente alla conclusione dell’intervento di riqualificazione o degli stati di avanzamento dei lavori intermedi.

Più 24% i consumi di pasta durante il lockdown

Nel 2020, complice il lockdown i consumi sono aumentati in media del 24% a livello globale. Durante il lockdown Germania, Francia, Regno Unito e Stati Uniti hanno aumentato i loro consumi di pasta di oltre il 20%, e in Italia addirittura oltre il 28%.

“I Paesi che più sono stati colpiti dalla pandemia e che più hanno sofferto per il lockdown si sono riversati sugli scaffali della grande distribuzione e hanno acquistato la pasta”, commenta Riccardo Felicetti, presidente dei pastai italiani di Unione Italiana Food. In occasione della giornata mondiale della pasta del 25 ottobre Unione Italiana Food e ICE hanno commissionato a Doxa una ricerca che ha confermato le immagini dei carrelli della spesa durante i mesi più difficili della pandemia.

Gli italiani ne consumano oltre 23 chili pro capite

Italia, Germania, Francia, UK e USA rappresentano più di un terzo del consumo mondiale di pasta. La media di consumo pro capite è di 9 chili all’anno negli Usa, 8 in Francia e Germania, 3,5 nel Regno Unito. In Italia, invece, se ne consumano oltre 23 chili pro capite, e 6 persone su 10 la portano in tavola tutti i giorni. L’Italia inoltre è il primo produttore mondiale, con 3,5 milioni di tonnellate nel 2019 (+4% su 2018), e il maggiore esportatore. Il 60% della produzione nazionale finisce all’estero, il che significa tre piatti di pasta su quattro mangiati in Europa sono italiani, uno ogni quattro a livello globale.

Semplice da cucinare, si abbina a qualsiasi tipo di condimento

Ma quali sono le ragioni che durante il lockdown hanno spinto i consumi di pasta? “La prima ragione – spiega Felicetti – è che la pasta è semplice da cucinare, da stockare, si abbina a qualsiasi tipo di condimento ed è verticalmente piacevole sia al nonno che al bambino, che devono essere alimentati allo stesso modo”. Quello che consente di fare la pasta è di poter giocare con formati e abbinamenti per proporre piatti ogni volta diversi. Piatti che durante il lockdown hanno registrato un’evoluzione nelle preferenze dei consumatori. “All’inizio c’è stata un’attenzione particolare a formati facili, ma poi – continua il presidente di Unione italiana food – ci si è spostati a utilizzare anche altri formati”, anche biologici e integrali.

Nel retail punte del 28%-30% di crescita Le esportazioni quest’anno sono destinate a chiudere l’anno con un incremento del 20%, e in Italia, nonostante il crollo dei consumi fuori casa, il saldo a fine anno potrebbe essere intorno al 15%. Il consumo italiano nel retail è arrivato invece a punte del 28-30% di crescita, e per fine anno potrebbe aggirarsi intorno al 20-25%. “Tutti gli approvvigionamenti saranno rimodulati su numeri che non sono quelli delle campagne precedenti – aggiunge Felicetti – riteniamo che una parte della crescita di quest’anno rimanga strutturale per l’affetto che si è creato intorno alla pasta”.

Estate 2020, 34 milioni gli italiani in vacanza, ma -16 milioni i turisti stranieri

Il bilancio dell’estate 2020 segna un calo del 13% di turisti rispetto allo scorso anno. Sono infatti 34 milioni gli italiani che quest’anno hanno deciso di andare in vacanza, ma per effetto dell’emergenza Covid 19 sono 16 milioni i turisti stranieri che non hanno visitato il nostro Paese. L’Italia è stata la destinazione preferita dal turismo nostrano, ed è stata scelta come meta dal 93% dei viaggiatori italiani rispetto all’86%% dello scorso anno. E 1 italiano su 4 (25%) ha scelto una destinazione vicino casa, all’interno della propria regione di residenza. È quanto emerge da un’analisi Coldiretti/Ixè, che segnala anche un leggero accorciamento della durata delle vacanze, scese in media sotto i 10 giorni.

Crescono la montagna e il turismo di prossimità. Bene le case in affitto, male gli alberghi

Se la spiaggia resta la meta preferita crescono la montagna e il turismo di prossimità, con la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne italiane in alternativa alle destinazioni turistiche più battute, dal mare alle città d’arte. La stragrande maggioranza degli italiani in viaggio ha scelto poi di alloggiare in case di proprietà, di parenti e amici o in affitto, mentre gli alberghi sono stati quasi “disertati”. Segnali incoraggianti, secondo Coldiretti, si notano invece per i 24 mila agriturismi prenotati soprattutto a settembre, riporta Askanews, con la crescita del turismo ambientale e naturalistico.

Turismo straniero azzerato dai vincoli e le preoccupazioni resi necessari dall’emergenza Covid

Durante i mesi di luglio, agosto e settembre a pesare è stata soprattutto l’assenza dei 16 milioni dei cittadini stranieri in visita nel nostro Paese per motivi di vacanza, quest’anno praticamente azzerati dalle preoccupazioni e dai vincoli resi necessari per affrontate l’emergenza Covid. Una mancata presenza che, secondo l’analisi della Coldiretti, è costata 12 miliardi al sistema turistico nazionale per l’assenza di spese negli alloggi, nell’alimentazione, nei trasporti, ma anche nei divertimenti, lo shopping e i souvenir.

Spese per le vacanze, -25% rispetto al 2019

Estate 2020, 34 milioni gli italiani in vacanza, ma -16 milioni i turisti stranieriPeraltro anche gli italiani in vacanza hanno “tirato la corda”, con una spesa media destinata alle vacanze estive crollata a 588 euro per persona, un calo del 25% rispetto allo scorso anno. Questo, per effetto sia di ferie più brevi, della durata media di meno di 10 giorni, sia perché meno lontane e dedicate soprattutto al relax familiare. Per la metà dei viaggiatori, precisa la Coldiretti, la spesa per persona è stata al di sotto dei 500 euro, per il 34% dei viaggiatori tra i 500 e i 1000 euro, per il 12 % tra i 1000 e i 2000 euro, mentre percentuali assai più ridotte hanno superato questo limite.

Cibo e bugie: la propensione a mentire dipende anche da quanto si mangia?

Più si mangia più si mente? È la domanda posta da uno studio che getta le basi per comprendere l’influenza del metabolismo sulla propensione a mentire. La ricerca, a cui ha partecipato l’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc) è stata condotta dal Joint Research Center della Commissione Europea e il Gate-Lab del Cnr francese su 150 soggetti, e dimostra che la propensione a dire il falso dipende in parte dai livelli di glucosio nel sangue. E che quindi potrebbe esserci un legame tra menzogna e obesità.

I cambiamenti dello status energetico possono influenzare diversi processi cognitivi

“A oggi sappiamo che i cambiamenti dello status energetico a breve termine, come quelli indotti dal digiuno o dalla sazietà, e quelli a lungo termine, come quelli associati all’obesità, possono influenzare una vasta gamma di processi cognitivi”, tra cui l’autocontrollo, spiega Eugenia Polizzi, ricercatrice Cnr-Istc e autrice dello studio. Ed è proprio l’autocontrollo un elemento centrale per la capacità di compiere scelte etiche e morali.

Solo i soggetti con indice di massa corporea sotto ai 25 hanno dimostrato di essere più onesti

In pratica i partecipanti all’esperimento hanno ricevuto un bicchiere coperto con dentro un dado a 3 facce colorate. A seconda del colore riportato, i soggetti avrebbero ricevuto una ricompensa differente. Metà dei soggetti ha tirato il dado prima di ricevere una colazione standard in laboratorio, mentre l’altra metà subito dopo averla fatta. Il risultato del dado era visibile solamente al partecipante, che poteva quindi barare. Ma poiché ogni colore ha 1/3 di probabilità di uscire, scostamenti da questa percentuale suggeriscono disonestà a livello di gruppo.

“Se brevi cambiamenti nello status energetico incidessero sulla propensione a mentire ci aspetteremmo che i soggetti a digiuno mentano più di quelli sazi, indipendentemente dalla situazione energetica globale – prosegue la ricercatrice -. Tuttavia, i risultati forniscono solo un supporto parziale a questa previsione. Infatti, solamente i soggetti con indice di massa corporea sotto ai 25, e in particolare donne, hanno dimostrato di essere più onesti dopo aver fatto colazione”.

L’obesità deriva da un’interazione tra aspetti comportamentali, neuronali e metabolici

Al contrario, si stima che quando la bugia serviva a evitare di riportare il colore associato a zero ricompense più dell’80% dei soggetti obesi abbia mentito, riporta Askanews.

“Questo dato ci dice che la condizione di obesità potrebbe essere associata a una difficoltà a gestire potenziali perdite” sottolinea Eugenia Polizzi. Ma se risulta difficile “spiegare l’influenza del metabolismo sul rispetto delle norme morali soltanto attraverso una prospettiva energetica”, aggiunge la ricercatrice, evidenze crescenti suggeriscono come l’obesità derivi da una complessa interazione tra aspetti comportamentali, neuronali e metabolici associati.

Donne e lavoro, come attrarre i talenti femminili col pallino per la scienza

Nonostante la disuguaglianza di genere, i talenti al femminile per le materie tecnico-scientifiche sono al centro dell’interesse delle aziende. Quando i team di manager sono composti da uomini e donne le imprese hanno il 21% di possibilità in più di essere più redditizie (fonte il report McKinsey e Accenture 2019), e le company con una cultura di parità raggiungono livelli di innovazione tre volte superiori alle concorrenti gestite solo da uomini. Come attrarre quindi donne manager col pallino per la scienza? La ricetta per diventare imprese a misura di cervelli femminili (e guadagnarci) la fornisce il report di Universum Global, dedicato alle giovani laureate nelle materie tecnico scientifiche a caccia di nuovo impiego.

L’uomo guarda prima di tutto ai guadagni futuri

Lo studio, che invita le imprese in ritardo a recuperare personale al femminile per battere la concorrenza, lascia la parola ai talenti femminili, che svelano ambizioni e obiettivi di carriera, riporta Ansa. Il campione è composto da scienziate, ingegneri e matematiche neolaureate, e l’obiettivo è capire le diversità fra uomini e donne. Il sondaggio attesta che mentre gli uomini nei futuri datori di lavoro cercano prima di tutto altri guadagni futuri (49%), poi puntano all’innovazione (48%) e all’opportunità di formazione e sviluppo personale (42%), le donne la pensano diversamente.

Per “lei” l’opportunità di formazione e sviluppo professionale è al primo posto

Per le donne l’opportunità di formazione e sviluppo professionale è al primo posto (45%), i guadagni futuri sono al secondo, a pari merito col desiderio di un’occupazione fissa (43%). “Le donne ricercano un lavoro sicuro più degli uomini – spiegano gli autori del report -. L’interpretazione più semplice è che le donne vogliano ridurre al minimo le possibilità di licenziamento, ma realisticamente significa invece che riducono al minimo il rischio di lasciare l’impresa che quindi può investire di più su di loro”.

La lista dei desideri femminili prosegue, e al terzo posto compare un ambiente lavorativo amichevole (42%), mentre gli uomini preferiscono che sia creativo e dinamico (41%). Le donne poi cercano di instaurare buoni rapporti nel team, gli uomini se ne occupano meno.

I settori più attraenti per le donne con la passione per le materie scientifiche

I primi dieci settori più attraenti per le donne con la passione per le materie scientifiche sono software, informatica, sviluppo multimediale e intrattenimento digitale (22%), ingegneria industriale e manifatturiera (14%), aerospaziale e difesa (14%), edilizia e ingegneria civile (13%), industria chimica (12%), farmaceutico e biotecnologico (12%), energia (12%). Seguono, all’11%, ambiti istituzionali educativi e scientifici, tecnologia hardware, arte, intrattenimento e ricreazione.

“Il problema diventa significativo per le donne che vogliono tempo libero per la famiglia – si legge nell’indagine -. Un’azienda può offrire diverse opzioni di congedo mantenendo alto il rendimento femminile, ma anche quando le company dichiarano di sostenerle, le donne affermano che l’esperienza vissuta è purtroppo diversa”.